FAQ

Domande frequenti


  • L'Agricultural Industry Electronics Foundation è un gruppo internazionale formato con lo scopo di favorire l'applicazione degli standard elettronici internazionali alle macchine agricole.

  • Lo standard ISOBUS, ISO 11783, ha avuto in una prima fase un ruolo centrale per l'AEF, tuttavia è stato anche affrontato lo standard ISO 25119 "Sicurezza dei sistemi elettronici di controllo".

  • Gli effettivi sviluppo e manutenzione degli specifici standard ISO rientrano nelle responsabilità dei gruppi di lavoro ISO.

  • I primi incontri di promozione dell'organizzazione si sono tenuti a febbraio 2007.

  • In tale occasione fu elaborata una prima proposta di lavoro grazie agli sforzi di VDMA e AEM e dei rispettivi consigli, l'idea fu successivamente presentata alle aziende del settore la nella primavera/estate del 2008.

  • La fondazione fu ufficialmente costituita nell'ottobre 2008 durante un incontro dei rappresentanti del settore a Francoforte, in Germania.

Esistono due tipi di membri:

  • i cosiddetti "core member", che svolgono un ruolo di guida mediante un Comitato Direttivo e finanziano i progetti dell'AEF attraverso i propri contributi annuali. I core member devono essere produttori di macchine agricole. Le associazioni di categoria possono anch'essi essere core member e avere un ruolo di supporto ai membri appartenenti al settore. Attualmente, i core member attivi dell'AEF sono AEM, VDMA e FederUnacoma.

  • I membri ordinari forniscono personale di supporto per l'esecuzione dei progetti dell'AEF. I membri ordinari versano una quota e possono mettere a disposizione del personale, se possibile. I membri ordinari sono fornitori, istituzioni accademiche o altri enti interessati all'elettronica nel settore agricolo.

L'elenco completo dei membri attuali è allegato. L'adesione non è limitata ad alcuna area geografica ma gli attuali membri sono tutti provenienti dall'Europa o dal Nord America.

  • Gli utenti di ISOBUS in Europa e nel Nord America stavano incontrando delle difficoltà legate alla compatibilità tra dispositivi e problemi nel ricevere un'assistenza adeguata in merito.

  • Spesso tali problemi derivavano dall'evoluzione dello standard ISOBUS, in particolare quando venivano introdotte nuove funzioni in nuovi dispositivi, non supportate da dispositivi meno recenti. Fu riconosciuto a livello industriale che l'utente finale incontrava delle difficoltà a riconoscere tali limitazioni.

  • L'industria riconobbe di dover spiegare la funzionalità dei dispositivi ISOBUS e le relative limitazioni all'utente finale.

  • Riconobbe inoltre di dover fornire un servizio di assistenza interaziendale per i dispositivi ISOBUS.

  • L'industria riconobbe inoltre che vi era la necessità di essere maggiormente proattivi nello sviluppo di strumenti di test per la certificazione ISOBUS e di ampliare le possibilità di esecuzione dei test.

L'AEF ha identificato sei progetti che considera importante affrontare in tempi brevi.

  • Sviluppo di uno strumento di test di conformità e certificazione standardizzato e oggettivo utilizzabile dai costruttori di tutto il mondo durante la fase di sviluppo del prodotto e dai laboratori di prova durante la fase finale di certificazione.

  • Identificazione di aree di sicurezza funzionale degli standard ISOBUS da affrontare e funzione di risorsa consultiva per i gruppi di lavoro ISO responsabili per gli standard 11783 e 25119.

  • Identificazione chiara degli aspetti funzionali dei dispositivi ISOBUS relativi a diversi livelli funzionali dello standard e a dispositivi prodotti sulla base di versioni precedenti dello standard. Tali operazioni devono avvenire in modo tale da permettere ai clienti di comprendere in maniera chiara le modalità di interazione tra due dispositivi ISOBUS.

  • Risoluzione dei problemi di diagnostica e assistenza mediante lo sviluppo di strumenti di diagnostica standardizzati e la realizzazione di training per concessionari e tecnici.

  • Apertura di un dialogo tra costruttori di attrezzi e macchinari in materia di "controllo sequenze", durante il quale trattore e attrezzo devono interagire per eseguire compiti ricorrenti in sequenza, riducendo l'onere a carico dell'operatore.

  • Risoluzione del problema della promozione dei vantaggi di ISOBUS e comunicazione delle funzionalità di ISOBUS all'utente finale in modo comprensibile, chiaro e coerente.

  •  L'AEF è un'organizzazione internazionale formata da produttori di macchine agricole, fornitori e associazioni di tutto il mondo.

  • AEF ha una sede a Güterloh, in Germania, dove sono gestite le attività amministrative e i contatti con tutti i membri.

  • Tre associazioni, AEM di Milwaukee (Stati Uniti), VDMA di Francoforte (Germania) e FederUnacoma di Bologna (Italia) forniscono all'AEF personale di supporto.

  • L'organizzazione brasiliana del settore agricolo Forca Tarefa ISOBUS (FTI) è interessata a entrare a far parte dell'AEF.

  • Il Comitato Direttivo dell'AEF si riunisce diverse volte l'anno ma non c'è una sede prestabilita. Di norma le riunioni si tengono presso uno dei membri dell'AEF.

  • I team di progetto si riuniscono in Europa, America del Nord e tramite conference call.

  • L'AEF è attualmente finanziata dai contributi annuali dei membri e dalle risorse destinate all'AEF dalle associazioni che ne fanno parte (AEM, VDMA e FederUnacoma).

  • Inoltre, gran parte dell'attività dell'AEF è svolta da personale che le singole aziende assegnano ai team di progetto. I relativi costi sono a carico dei singoli membri.

  • NAIITF è l'acronimo di North American ISOBUS Implementation Task Force, una task force formata dai costruttori del Nord America sotto l'egida dell'AEM (Association of Equipment Manufacturers) nel 2002. IGI (Implementation Group ISOBUS) è l'omologo europeo ed è supportato dal VDMA (Verband Deutscher Maschinen- und Anlagenbau).

  • L'obiettivo di NAIITF e IGI è favorire ISOBUS mediante la promozione, l'educazione e l'organizzazione di incontri tra aziende del settore e Plugfest.

  • La formazione dell'AEF e i team di progetto forniscono ora l'assistenza precedentemente prestata da NAIITF e Implementation Group ISOBUS (IGI).

  • NAIITF e IGI saranno pertanto sciolti e incorporati nei team di progetto dell'AEF.

  • Sì, attualmente l'AEF si impegna per fornire supporto e per applicare due standard ISO nel settore dell'elettronica, ISO 11783 ISOBUS e ISO 25119 "Sicurezza dei sistemi elettronici di controllo".

  • D'altra parte, AEF è stata concepita per supportare gli standard elettronici nel settore agricolo nel futuro e per questo è aperta ai contributi in relazione alle tecnologie e alle problematiche che saranno prese in considerazione negli standard internazionali.

  • Un esempio di ruolo di supporto supplementare è rappresentato dal nuovo standard internazionale per le comunicazioni wireless poiché esso si riferisce agli impieghi in agricoltura. Lo standard è attualmente in fase di elaborazione da ISO TC23/SC19 WG5.

  • I team di progetto dell'AEF sono costituiti da personale incaricato dalle aziende che ne fanno parte.

  • I team svolgono i compiti della Fondazione, compresa la redazione delle specifiche per gli strumenti di supporto, l'organizzazione delle sessioni formative per i tecnici, l'assistenza ai nuovi utenti della tecnologia, l'organizzazione di Plugfest, la fornitura di risorse per la promozione e l'educazione mediante le presentazioni agli incontri.

  • Si tratta di un grande sforzo da parte di AEF volto a coinvolgere il personale dei diversi reparti aziendali, compresi Marketing, Assistenza e Direzione, oltre che Progettazione.

  • Lo sviluppo e la manutenzione degli standard ISO, quali ISO 11783 ISOBUS, continueranno ad essere coordinati da ISO e dai suoi gruppi di lavoro. Lo sviluppo degli standard non rientra nelle competenze dell'AEF.

  • L'AEF ha una funzione di supporto agli standard ISO, dopo la loro pubblicazione.

  • D'altra parte, molti dei membri dell'AEF sono inoltre attivi nei comitati di elaborazione degli standard ISO e per questo le esperienze maturate dall'AEF vengono naturalmente prese in considerazione da coloro che si occupano dello sviluppo degli standard ISO.

  • Uno degli attuali team di progetto sta lavorando per fornire feedback ai due gruppi di lavoro ISO per ISO 11783 e ISO 25119 e per raggiungere la piena compatibilità tra i due standard.

  • L'AEF svolge inoltre un ruolo di monitoraggio delle attività degli altri gruppi di lavoro ISO per garantire la compatibilità tra gli standard, così come sviluppati e mantenuti. Ad esempio cercando di mantenere la coerenza tra le definizioni e i formati di trasferimenti dei dati tra CAN e dispositivi wireless, standard attualmente controllati da due diversi gruppi di lavoro ISO.

Hai bisogno di assistenza?

Dati di contatto per Europa e Asia:
Tel. +49 5241 30 57 908
office spam@spam.de aef-online.org

Dati di contatto per America del Nord e del Sud:
Tel. +1 414 298 4118
america spam@spam.de aef-online.org